Hostabee

Intervista a Maxime, co-fondatore di Hostabee, una startup il cui obiettivo è di connettere gli alveari per sorvegliare meglio le api. Maxime ci parla dell’attività della sua azienda e del suo percorso personale.

Ciao Maxime, potresti descrivere in qualche parola l’attività di Hostabee?

Hostabee è una startup creata ad aprile 2015 che sviluppa strumenti connessi per l’apicoltura. Nello specifico, stiamo sviluppando una soluzione che consentirà agli apicoltori di seguire a distanza lo stato di salute delle loro api, ovvero ottimizzare le loro visite, abbassare il tasso di mortalità e combattere i furti.

Ci sono molti furti di alveari?

Gli apicoltori rubano alveari di altri apicoltori. Ogni anno scompare un terzo delle api: è ovviamente più facile andare a prendere gli alveari del vicino.

Potresti descrivere più nel dettaglio le soluzioni che offri agli apicoltori?

Offriamo due prodotti:

  • Un primo prodotto che si concentra sulla salute dell’ape. Verifichiamo le condizioni dell’alveare misurando la temperatura e l’umidità. Sono le api che normalmente si occupano di regolare questi due parametri correttamente. Questo primo prodotto, chiamato B-Keep, è già commercializzato tramite la nostra rete di distributori.
  • Sviluppiamo poi un secondo oggetto che funge da antifurto. Questo secondo prodotto è in fase di lancio. Grazie a questa soluzione, l’apicoltore sarà a conoscenza del cambiamento delle coordinate GPS dei suoi alveari. Assicuriamo quindi un servizio di: registrazione delle posizioni GPS, resoconto delle informazioni alla polizia, ecc. E funziona dato che abbiamo catturato il nostro primo ladro!

Prima hai detto che un terzo delle api scompare ogni anno. Quali sono le cause ?

È davvero un fenomeno multifattoriale. Esistono molteplici cause e nessuna predomina sulle altre. Tra queste cause, possiamo notare:

  • Il riscaldamento globale
  • Un parassita chiamato Varroa. È una specie di “vampiro” dell’ape. Prende il sangue delle api e le rende più vulnerabili già a partire dalla loro nascita. La Varroa si nutre di larve. Le conseguenze sono terribili per le api: alcune hanno ali in meno, altre non sono più in grado di volare, ecc.
  • Le cattive pratiche messe in atto dall’apicoltore
  • Un po’ di secchezza per le api (mancanza di piante di miele)
  • I pesticidi

Hai detto che con la tua soluzione B-Keep puoi monitorare lo stato di salute degli alveari?

Siamo in grado di individuare colonie “deboli” e quindi di anticipare i problemi e salvare le api. Confrontiamo i dati di temperatura e umidità all’interno dell’alveare (grazie al B-Keep) con i dati corrispondenti all’esterno dell’alveare (tramite le stazioni più vicine). È questo confronto che ci consente di verificare che le api regolino correttamente la temperatura e l’umidità nell’alveare, e quindi che esso sia in buona salute.

Potresti fornire un esempio concreto di un caso in cui sei riuscito ad anticipare un problema in un alveare?

C’era un apicoltore che aveva messo i suoi alveari in un parco e il problema in questo parco era che c’era molta umidità proveniente dalle paludi. La soluzione B-Keep ha rilevato un livello anormale di umidità. Normalmente questa umidità dovrebbe essere intorno al 60% e lì avevamo rilevato l’80%. L’elevata umidità favoriva la proliferazione di funghi e batteri. Inoltre, le api invece di andare in cerca di cibo, stavano cercando di regolare l’umidità. Grazie a B-Keep, l’apicoltore ha cambiato il pavimento dei suoi alveari e il problema è stato risolto.

Hai creato Hostabee da solo?

Siamo tre co-fondatori. Prima di creare Hostabee, io ero un insegnante di matematica e informatica e un impiegato privato. Uno dei co-fondatori è il mio ex capo, con cui parlai del progetto. Al tempo, lavoravo part-time come informatico in azienda, non a tempo pieno. Ciò mi ha permesso di tenere al tempo stesso un piede nel privato. In parallelo ero professore di matematica e informatica in una scuola professionale agricola. Ho sempre voluto trasmettere le mie conoscenze, mi piace. Allo stesso modo sono anche appassionato di hacking, da qui il computer. In informatica, non ho un diploma, sono autodidatta. È un hobby per me.

Al liceo, ero membro di un’associazione chiamata “Aumont des abeilles”. L’associazione aveva un apiario scolastico. Da lì è nata la mia passione per l’apicoltura e le api. Ogni anno, gli apicoltori perdevano colonie, così iniziai a chiedermi se potesse esserci qualcosa da fare. Iniziammo a pensarci assieme membri dell’associazione.

hostabee-apiculture-connectée

Potresti descrivere la genesi di Hostabee?

Ho lavorato in prima persona ai primi prototipi, con lo sviluppo della parte hardware e software. Con i miei associati, abbiamo ottenuto una sovvenzione europea per creare l’azienda. Questo mi ha permesso di assumere due persone e iniziare. Inizialmente, abbiamo progettato una scala collegata per monitorare il peso degli alveari e la produzione di miele. Abbiamo condotto i primi test con gli apicoltori, che si sono rivelati inconcludenti. La soluzione era troppo costosa e complicata da installare. È importante notare che non abbiamo mai provato a sviluppare prodotti per conto nostro. Fin dai primi progetti durante la scuola superiore, ci siamo sempre circondati di apicoltori professionisti per testare le nostre soluzioni. Questi primi progetti risalgono a tre anni fa, tre anni e mezzo fa. Avevamo iniziato il primo prototipo anche prima della creazione della compagnia ma poiché questi risultava troppo costoso, ci siamo riuniti e abbiamo deciso di creare un secondo prototipo, questa volta per misurare l’umidità, la temperatura e il suono nell’alveare. L’oggetto ha preso la forma di una cornice alveare, che era molto voluminosa.

Come membro del Google Development Group, sono stato invitato da Google IO nel 2015. Avevano alveari, quindi ho proposto di collegarli con la nostra nuova soluzione. Sfortunatamente il nostro telaio di connessioni non funzionava, non era delle stesse dimensioni dell’alveare. È stata una rivelazione. Serviva qualcosa che andasse bene per tutti i tipi di alveari, e fosse facile da installare. Abbiamo quindi deciso di rimuovere la misura del suono. Umidità e temperatura erano sufficienti. Ciò che non cambiava tra due alveari era la dimensione delle api e lo spazio tra due cornici dell’alveare.

Oggi la nostra soluzione B-Keep ha un’autonomia di 2 anni ed è facile da installare. Utilizziamo tecnologie radio e inviamo informazioni sull’umidità e la temperatura ogni ora. Ci sono voluti tre anni per arrivare a questo prodotto. Inoltre la nostra soluzione B-Keep è stata progettata con plastica alimentare e pertanto non contiene fenolo o altri prodotti tossici per le api. Preoccupati per l’ambiente, cerchiamo di fare il massimo per preservarlo con prodotti che non lo danneggino.

Come commercializzi le tue soluzioni oggi?

I primi 300 prodotti sono stati venduti tramite il nostro sito Web (https://hostabee.com), ma poi lo scorso ottobre abbiamo lanciato davvero la parte commerciale. Oggi vendiamo anche attraverso distributori europei, come Icko Apiculture (https://www.icko-apiculture.com), per essere fisicamente presenti nei negozi. Infatti gli apicoltori non acquistano necessariamente online. L’apicoltore tende ad andare al negozio per comprare la sua attrezzatura.

Oggi siamo 5 dipendenti. Attraverso il nostro sito web https://hostabee.com vendiamo in tutto il mondo.

Una parola da concludere?

Ci impegniamo a promuovere il Made in France: da un punto di vista industriale, la nostra attività si trova in Francia. I nostri involucri sono prodotti e assemblati in Francia, a Saint-Quentin. La parte elettronica viene da Villeneuve-d’Ascq. Ci affidiamo a società di consulenza francesi per convalidare le nostre misurazioni di temperatura e umidità.

Stiamo anche lavorando con gli agricoltori attraverso una cooperativa agricola per creare uno strumento di supporto decisionale. L’idea è di aiutare gli agricoltori a decidere quando andare nei loro campi in base all’attività delle api. Ci stiamo lavorando da due anni. L’obiettivo è di evitare di andare in un campo quando le api sono in cerca di cibo. Per questo, abbiamo progettato un modello complesso che valuta il numero di api fuori dall’alveare in base a diversi parametri fisici (temperatura, umidità, velocità del vento, ecc.).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *