Sommelier Wine Box

Intervista a Sara e Luca Menato, co-fondatori di Sommelier Wine Box: “Essendo veneti, il vino l’abbiamo nel sangue. Per noi, questo è davvero un elemento chiave della vita

Buongiorno Sara e Luca, potreste raccontarci in qualche parola la storia di Sommelier Wine Box? Da dove è nata l’idea?

Ciao Chiara, e grazie di cuore per questa intervista! Con Sommelier Wine Box abbiamo importato in Italia il wine club, modello molto diffuso negli Stati Uniti dove è nato, ma fino a due anni fa – quando abbiamo iniziato – per niente sviluppato da noi. 

L’idea è nata ascoltando la storia di una produttrice veneta, che al Vinitaly del 2017 ci ha raccontato come avesse creato il suo vino di punta, prodotto in pochissime bottiglie mettendo assieme le sue migliori uve con quelle di un’altra produttrice, che le selezionava con altrettanta cura. Non solo la sua passione ci ha ammaliato ma siamo rimasti colpiti dall’artigianalità e dalla spinta a fare sempre meglio di una produttrice brillante, alla guida di una piccola cantina. È in quel momento che ci siamo resi conto della soddisfazione che si prova a scoprire realtà eccellenti e quasi sconosciute, a degustarne i prodotti imparandone le storie. Questa è per noi la ricetta per godere a fondo di ciò che si beve.

Come funziona la vostra piattaforma?

Sul sito, offriamo un abbonamento di 3 vini al mese, scelti dai migliori sommelier d’Italia (uno diverso ogni mese) tra piccoli eccellenti cantine italiane. Ogni mese è dedicato a un tema diverso, e in questo modo creiamo un percorso di apprendimento e scoperta. Raccontiamo i vini con le note di degustazione e gli abbinamenti, oltre che con le storie dei vignaioli, che si raccontano direttamente ai clienti.

Inoltre, abbiamo una selezione permanente: ognuna di queste Box, sempre contenente tre vini, consente di fare un affondo su una singola cantina.

sommelier_wine_box_vino_cantine_veneto
Quali sono i vostri principali prodotti e a quale clientela si rivolgono? 

Ci rivolgiamo a chi è curioso e ama farsi sorprendere da prodotti nuovi, che probabilmente non conoscerebbe mai: in questo senso la nostra forza è data dalla competenza della squadra di sommelier, che scovano per noi cantine meravigliose. 

Offriamo due tipi di Box, Entusiasta ed Esperto, che definiscono due target leggermente diversi. 

Il primo generalmente viene scelto da chi si sta avvicinando al mondo del vino ed è attratto dall’idea di farsi guidare in un percorso di scoperta e di apprendimento. 

Il secondo invece è più adatto a chi tende ad avere una maggiore dimestichezza nel mondo del vino – e spesso una grandissima conoscenza! – e si abbona per scoprire vini di nicchia. 

A tutti promettiamo di offrire le migliori selezioni possibili, e la certezza che degustarle regalerà loro momenti di piacere intenso.

In che modo selezionate i vini e le cantine che collaborano con voi? 

La figura del sommelier è il cardine della nostra offerta. Ogni mese collaboriamo con sommelier diversi, che selezioniamo per la competenza, capacità spesso decretata anche da vittorie di premi ai tanti concorsi che il mondo del vino offre. È grazie alla loro bravura che scoviamo ogni mese le più belle cantine italiane, realtà medio piccole che lavorano molto bene e creano vini dando tutto sul campo della qualità.

Quanti siete oggi a lavorare a Sommelier Wine Box? 

Siamo in 3: noi due fratelli e Alessio Sevarin, compagno di sogni imprenditoriali e amico fraterno. Luca Menato è CEO & CFO, la mente strategica del gruppo; Sara, CMO, ne è l’anima. Alessio, COO, ingegnere meccanico è colui che trova soluzioni a qualsiasi problema.

sommelier_wine_box_sara_menato
Sara Menato, CMO di Sommelier Wine Box
Riguardo voi più nel dettaglio, siete sempre stati appassionati di vino? Qual è il vostro percorso personale? 

Essendo veneti, il vino l’abbiamo nel sangue. Per noi, questo è davvero un elemento chiave della vita delle persone e della cultura di un territorio – vino da intendere proprio con un’accezione rurale e aulica allo stesso tempo. E poi è estremamente conviviale. 

Stiamo entrambi completando il corso da sommelier e i nostri percorsi sono molto diversi: studi economici (Università di Ferrara e Università Bocconi) e lunga esperienza in società di consulenza l’uno, storica dell’arte (Università di Padova e SDA Bocconi) e numerose esperienze fra case d’asta, ricerca universitaria e mondo museale l’altra. Anche questa è la forza di Sommelier Wine Box.

sommelier_wine_box_luca_menato
Luca Menato, CEO e CFO di Sommelier Wine Box
Cosa più vi appassiona della vostra attività?  

Dopo i vini, le persone che incontriamo sono l’aspetto più emozionante. Clienti che hanno fatto pezzi di strada lunghissimi assieme a noi (alcuni dal primo mese, più di due anni fa!) e con spunti, incoraggiamenti, messaggi appassionati e consigli ci hanno aiutato a migliorare e a modellare l’offerta sulla base dei loro desideri. Stiamo creando una community di cui siamo davvero orgogliosi, alla quale presto daremo anche un’evidenza “esterna” con lo scopo di creare valore per tutti gli appassionati di vino.

Cantine dietro alle quali ci sono grandi donne e uomini del vino: persone davvero coraggiose, che come degli equilibristi creano vini memorabili mettendo le loro idee assieme alla natura, di cui sanno interpretare cambiamenti e umori. 

Sommelier appassionati, ognuno con stili diversi e tutti felici di mettersi in gioco mettendoci a disposizione la loro competenza costruita in anni.

Come è cambiata, se è cambiata, la vostra attività in questi ultimi mesi marcati dalla crisi sanitaria del Covid19? Ad oggi, avete qualche nuovo progetto in corso?

Il nostro settore ha visto una crescita importante durante la crisi sanitaria e anche le nostre attività hanno subito un’accelerazione. I volumi sono cresciuti esponenzialmente e abbiamo colto questa occasione per anticipare numerose attività previste nei prossimi mesi. Abbiamo terminato un piano di rebranding, anche del nostro sito, e stiamo mettendo in cantiere i prossimi sviluppi di Sommelier Wine Box.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *