Azienda Archeo-enologica Bafaro

Intervista a Francesco Gabriele Bafaro dell’Azienda Archeo-Enologica Bafaro, portatrice del progetto archeo-vino Acroneo

Buongiorno Gabriele, potrebbe raccontare in qualche parola la storia delle Cantine Bafaro? 

L’azienda archeo-enologica Bafaro nasce a luglio del 2017 e riprende le tradizioni di famiglia, infatti, il mio bisnonno Antonio, agli albori del 900, gestiva una cantina sita in Acri (Cosenza). Si trattava di un luogo importante per il paese che rappresentava non solo un punto di ritrovo dove degustare vini ma anche un centro culturale e sociale.

A tal proposito, uno degli scopi dell’azienda è quello di riprendere questa antica tradizione per rivalutare il territorio di Acri che negli ultimi anni, purtroppo, si è notevolmente spopolato.

Per rendere possibile tutto ciò, ho unito l’idea del vino a quella che è la mia più grande passione: l’archeologia. Dopo aver conseguito la laurea come archeologo presso l’università della Calabria, ho concretizzato il mio sogno, specializzandomi in archeologia classica presso la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Matera proprio con una tesi intitolata: “La viticultura nell’antica Brettia e il progetto archeo-vino Acroneo”.

Bafaro_azienda_arocheo-enologica_vini_cantine
Cosa si intende per azienda archeo-enologica? Qual è la sua particolarità?

La particolarità della nostra azienda è di godere del patrocinio dell’Università della Basilicata in un’idea che vede protagonisti: archeologia ed enologia, passato e presente, tradizione e innovazione. 

Inoltre, per salvaguardare la biodiversità delle viticulture autoctone, effettuiamo ricerche e studi paleobotanici.

Quali sono i vostri principali prodotti? Come li commercializzate? 

Diversi sono i vini da noi realizzati: quelli affinati in anfore interrate brevettate e quelli prodotti, invece, in botti di rovere. 

Le nostre sono piccole produzioni di bottiglie numerate, create interamente con processi che vedono protagonista il lavoro artigianale piuttosto che industriale e tecnologico. 

Lavoriamo, dunque, su liste di prenotazioni, direttamente con i migliori Chef, ristoranti e degustatori privati. Basta contattarci telefonicamente o tramite la nostra pagina Facebook “Acroneo”. Effettuiamo spedizioni in tutto il mondo!

Qual è il valore aggiunto dei Vini Antichi Acroneo? Quanti siete a lavorare alle Cantine Bafaro? 

Il nostro è un vino che riporta i degustatori all’antichità e ai tempi del re Acroneo, un personaggio citato nel libro ottavo dell’Odissea e probabilmente antico sovrano di Acri, allora denominata “Pandosia”. 

A supportarmi nel progetto ci sono i miei famigliari, con la speranza in futuro di poter crescere ed assumere giovani del luogo, creando dei posti di lavoro in modo tale da contrastare le “fughe” verso altri paesi.

Bafaro_famiglia_team_vino_vini_acroneo_archeologia
Cosa vedete nel futuro dei Vini Acroneo? Avete qualche nuovo progetto in corso? 

Per quando riguarda il nostro futuro, siamo fiduciosi e abbiamo nuovi progetti in mente. 

Sicuramente vogliamo far arrivare il nostro prodotto a vari degustatori di ogni parte del mondo e valorizzare il “Made in Italy”, migliorandoci e crescendo sempre di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *