AgriLend

Intervista a Lionel, co-fondatore di AgriLend, la prima piattaforma di crowdlending dedicata alla filiera agricola. Lionel descrive l’attività della sua azienda e il suo percorso.

Ciao Lionel, potresti descrivere in poche parole la tua azienda (da dove è nata l’idea? Quando è stata creata la società? Da chi? Quante persone siete oggi? Qual è il tuo obiettivo? …)?

L’idea di AgriLend  è nata all’inizio del 2016 da tre amici: nello specifico due dei miei ex colleghi François Fromaget e Cyril Temin e il sottoscritto, Lionel Lasry. Da sempre attenti alle dinamiche che cambiano il nostro ambiente, abbiamo seguito con attenzione lo sviluppo della finanza partecipativa e l’emergere del crowdlending. Al tempo stesso, grazie alla nostra storia familiare, le nostre relazioni e il monitoraggio delle notizie, ci siamo resi conto  delle complessità e delle esigenze del mondo agricolo.

AgriLend è una piattaforma di crowdlending, iscritta all’ORIAS, specializzata nei settori agricolo, viticolo, agroalimentare e alimentare, in grado di finanziare progetti con un fabbisogno compreso tra i 20.000 € e 1 milione di € . Proponiamo a coloro che hanno bisogno di un mutuo nel settore agricolo di venire a finanziare i loro progetti sulla nostra piattaforma. I finanziatori sono, sia individui che vogliono aiutare e finanziare gli agricoltori vicino a casa, ricevendo al tempo stesso compensi attraenti, sia investitori istituzionali che desiderano essere coinvolti direttamente nel finanziamento del mondo agricolo.

L’idea è di considerare AgriLend come una soluzione complementare alle banche, a disposizione degli agricoltori. Essa costituisce al tempo stesso un’opzione che mobilita il risparmio popolare nel mondo agricolo grazie alle tecnologie accessibili e un quadro normativo di crowdlending adattato e sicuro.

Siamo entrati a far parte del Villaggio di Crédit Agricole a Parigi a gennaio.

Come vi differenziate dalle altre piattaforme di crowdfunding quali MiiMOSA o BlueBees?

Miimosa e BlueBees sono un altro tipo di piattaforme di crowdfunding. Questi due attori offrono l’accompagnamento per la donazione così come per il prestito. Al contrario il posizionamento di AgriLend è solo attraverso il prestito. Il nostro obiettivo è quello di soddisfare i bisogni delle nostre 2 comunità:

I Finanziatori: offrendo loro un tipo di risparmio innovativo e « verde » in cui possono scegliere i progetti che vogliono sostenere (per regione, durata o tasso di interesse) e con una remunerazione importante;
I Mutuatari: offrendo loro una soluzione finanziaria rapida ed efficiente che gli consente di finanziare progetti fino a 1 milione di euro con copertura a spese di Groupama in caso di decesso o invalidità.

Come riesci a identificare da una parte i progetti agricoli da finanziare e dall’altra le persone che vogliono finanziarli?

Per identificare i nostri responsabili di progetto, utilizziamo diversi canali:

  • Attraverso attori locali nel settore agricolo, come banche regionali, società di gestione, organizzazioni agricole, ecc. ;
  • Con la nostra presenza in fiere agricole (SIA, Les Culturales, Innov’Agri, Sitevi, …);
  • Attraverso la stampa agricola nazionale e regionale;
  • Attraverso prospezioni telefoniche;
  • Dal nostro blog;
  • Attraverso i nostri social network (Facebook, Twitter, Instagram e LinkedIn).

Anche per identificare la nostra comunità di istituti di credito e finanziatori, utilizziamo diversi canali:

  • Attraverso i nostri social network (Facebook, Twitter, Instagram e LinkedIn);
  • Trasmettendo la nostra offerta attraverso la stampa;
  • Selezionando progetti interessanti

Quali sono i profili dei responsabili del progetto e delle persone che finanziano?

La maggior parte dei nostri promotori di progetto viene ad AgriLend per integrare i tradizionali finanziamenti bancari. Questi sono soprattutto attori che desiderano svilupparsi. Per quanto riguarda i finanziatori, non c’è un profilo tipico: alcuni lo fanno per i progetti stessi, altri più per i tassi di interesse. Tuttavia, hanno tutti in comune il fatto di voler investire liberamente in progetti che ritengono importanti. 

Quali sono i percorsi personali di ciascuno dei fondatori di AgriLend?

François ha 29 anni, è ingegnere capo all’Ecole Centrale di Marsiglia e ha un master in ingegneria economica e finanziaria presso Greqam (gruppo di ricerca in economia quantitativa, Aix-Marseille). François è nipote di un allevatore di suini e ha lavorato per 5 anni in un’importante società di revisione e consulenza finanziaria per le aziende.

Per quanto riguarda Cyril, invece, lui ha 40 anni e si è laureato presso l’Edhec di Lille e l’università di Paris II Assas. Cyril ha 15 anni di esperienza nell’investment banking e nella consulenza sugli investimenti ed sta attualmente lavorando all’iniziativa di AgriCap, una soluzione per il trasferimento di terreni agricoli.

Infine, per quanto riguarda me, ho 34 anni e mi sono diplomato presso l’ Essec e l’università di Paris-Dauphine. Ho lavorato per oltre 5 anni nel settore bancario e assicurativo e nella gestione del rischio.

Quali sono le prospettive di AgriLend per i prossimi anni?

Le nostre prospettive sono di diventare un attore chiave nel finanziamento del settore agricolo. Vogliamo avvicinare il mondo agricolo alla popolazione grazie al nostro meccanismo di risparmio. Allo stesso tempo, vogliamo aiutare il mondo agricolo a far fronte ai problemi attuali.

C’è qualche ultima cosa che riguarda AgriLend di cui vorresti parlarmi?

Per soddisfare le esigenze del mondo agricolo, AgriLend ha sviluppato offerte dedicate alla metanizzazione e ad altre energie rinnovabili. Abbiamo anche lavorato a soluzioni per cooperative agricole che abbiamo già commercializzato.

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée.